· 

Parassiti

 Ciao, sono quel parassita che dopo aver lavorato per più di 40 anni con impegno e - non prendetemi per pazzo, con piacere - da gennaio percepisco la pensione ma continuo a lavorare come dipendente.

A causa di gravi problemi di salute da 24 anni suggo dalle casse malati circa 1200 CHF al mese (di media) e ne restituisco” quasi 600 sotto forma di premio.

Per sentirmi meno parassita (illuso) mi sono impegnato duramente anche in vari ambiti come volontario presso associazioni locali o anche di sostegno a piccole realtà commerciali, ma ultimamente la cosa mi pesa. Non solo fisicamente.

Quando invece potevo ancora impegnarmi con la mia propria azienda in un momento di difficoltà ho rinunciato al mio stipendio per non pesare sui collaboratori - quei “parassiti” cui già negli anni ‘90 corrispondevo un salario netto di CHF 3’000 indistintamente dal genere (ufficio e vendita) - ma non avevo pensato di versare i miei personali contributi per ben 3 anni. Così mi ritrovo ora con una reddita AVS di 1’500 CHF mensili, anche se gli esperti (quei parassiti pagati per fare questo genere di conti) dicono che un cittadino svizzero necessita di oltre 2’000 CHF al mese per sopravvivere.

Il secondo pilastro l’avevo ritirato per l’acquisto della casa che purtroppo in seguito ho dovuto “svendere” per gravi motivi e rimanendo senza soldi grazie ad un altro tipo di “parassiti”, forse però più "approfittatori" che non "parassiti".

Mi sa che quindi terminata l’attività che sto svolgendo dovrò parassitare ancora in qualche modo e da qualche parte.

Sentire ora che ci potrebbe essere una 13ma AVS mi fa sentire… schifato.

Sì, perché vedo già cosa comporta in altri ambiti, proprio come mi sento schifato nel sentire che si palesa nel prossimo futuro anche l'innalzamento dell’età di pensionamento, idea sfornata da giovani (parassiti?) che fino ad ora hanno lavorato - se tutto va bene - un paio d’anni ma che ritengono che il loro tempo impiegato per lo studio sia paragonabile al lavoro di chi ha dovuto farsi letteralmente il …“sedere” per 40 anni.

Mancano soldi per l’AVS e per sopperire all’aggravarsi della situazione si incentiva e si sovvenziona l’aumento demografico sostenendo chi sforna un parassita dietro l’altro perché tanto possono attingere a questi sostegni e anche perché qualcuno (il “grande parassita”) ha detto “andate e moltiplicatevi”. Il fatto che poi questi nuovi “parassiti”  necessiteranno sempre più aiuti diretti e causeranno costi esorbitanti indiretti per poter giungere a sopravvivere con la disoccupazione o l’assistenza perché la società non è in grado di offrire loro un lavoro, si commenta da sé.

Ma al momento questo non interessa, si troverà il modo di incrementare il consumismo continuando a dire che “questo consumismo è controproducente, ma arrestatelo solo dopo che mi sono arricchito”.

Non sono diverso da nessuno.

Sono un parassita che già quando misurava pochi micron ha lasciato morire migliaia di suoi simili, che ha approfittato del suo ospite nutrendosi e crescendo al suo interno come i mostriciattoli di Alien, ...che quando non poteva più farlo dall’interno ha continuato a farlo da fuori senza l’aiuto del cordone ombelicale approfittando di ogni situazione pur di sopravvivere.

Sono un parassita che ritiene di avere il diritto di distruggere l’habitat in cui vive e che, vedendo che questo habitat è quasi al limite si crede in diritto di andare a farlo su altri pianeti.

Sono un parassita.

Sono un essere umano, ma quando mi guardo in giro provo solo …disgusto…